Viridi aiuta le coppie, che vogliono sposarsi, rispettando l’ambiente, con una figura professionale che le guiderà nell’organizzazione del loro green wedding, grazie a servizi e tecniche innovativi ed ecosostenibili, progettati su misura ai loro valori di sostenibilità ambientale e al bisogno di difendere il pianeta, diminuendo o del tutto azzerando gli effetti dannosi dell’evento.

Viridi di Donatella D’Anniballe

Soc. Coop. Donatella Wedding Italy
Via Terracini 10
63074 San Benedetto del Tronto (AP)
P.IVA 02313130441

[email protected]
[email protected]
+39 331 456 111 4

EnglishFrançaisDeutschItalianoРусскийEspañol
EnglishFrançaisDeutschItalianoРусскийEspañol
top

Viridi Wedding

come ridurre l'inquinamento del matrimonio senza commettere errori

3 errori da non fare al tuo matrimonio sostenibile

Perché ho scritto un articolo sui 3 errori da non fare al tuo matrimonio sostenibile? Se ci fai caso, siamo tutti bravi a dirci quello che dobbiamo o non dobbiamo fare per essere più sostenibili in occasione del matrimonio. Su internet trovi una marea di consigli dai siti più disparati sul come rendere più ecologico il tuo matrimonio. C’è il sito che si occupa di costruire altri siti che ti parla di come rendere il tuo matrimonio green, o quello che vende timbri. Nessuno, però, finora ti ha detto cosa devi EVITARE di fare. Ci hai fatto caso?

Perché nessuno parla delle cose sbagliate da evitare? Secondo me, perché nessuno sa veramente cosa voglia dire matrimonio sostenibile, matrimonio green. Ci sono molte cosa che potranno sembrarti sostenibili, ma invece non lo sono! Dai per scontato che il menù se sia tutto a base di ortaggi sia più ecologico, ma non è così. Alcuni sono convinti che basti sposarsi nel bel mezzo di un bosco sia ecologico, ma… parliamone! Altri, molto innocentemente, pensano che una semplice decorazione con piante in vaso o erbe aromatiche, renda il tuo matrimonio sostenibile.

Sono tanti piccoli dettagli che da soli sì, aiutano, ma non fanno la differenza. Spero che questa lista di 3 errori da non fare al tuo matrimonio sostenibile ti dia una mano in più a capire di cosa si tratta davvero.

Iniziamo?

3 errori da non fare al tuo matrimonio sostenibile

Avrei potuto scrivere 10, 100, 1000 errori da non fare al tuo matrimonio, ma mi sono limitata a 3. Sai perché?

  1. perché non voglio annoiarti;
  2. perché ogni matrimonio è differente. Questi sono gli errori che ho notato che spose, sposi e fornitori, commettono, ma poi ogni situazione ha sue necessità ed esigenze. Per questo richiede un’analisi precisa e approfondita;
  3. perché oggettivamente mi ci vorrebbe un mese per scrivere un articolo del genere 😛

Prima di iniziare, sai che se clicchi sulla torta, puoi prenotare una consulenza (una chiacchierata easy!) gratuita? Così… giusto per dirtelo 😉prenotazione consulenza per ebook

Allora, che ne dici, iniziamo con il primo errore?

1° errore da non fare per matrimonio green

Fermarti all’apparenza.

C’è qualcuno che ti dice di essere green o sostenibile o ecologico? Ok, allora chiedi informazioni. Domandare è lecito, rispondere è cortesia. Chiedi una certificazione, chiedi specifiche sul loro metodo di lavoro, sulle materie prime che utilizzano, fai fai fai domande!

Come fai a sapere quali domande fare? Te lo insegno io in questo ebook!

Ti faccio un esempio per farti capire meglio di cosa parlo: il catering ti dice che per i finger food utilizza dei piattini di plastica che resistono e può riutilizzare fino a 1000 lavaggi. Ti comunica che questa è la loro scelta “green” e che ne sarai sicuramente soddisfatta. Ok. (non l’ho inventato, mi è successo davvero)

Questa è la reazione che dovresti avere.

Cosa c’è di sbagliato in quella frase? La parola PLASTICA. Mi dispiace, non ci posso fare niente. Ci sono molte persone che sarebbero d’accordo nell’utilizzare quei piattini, perché la plastica si rompe meno facilmente della ceramica, del vetro e blablabla. Fatto sta che è plastica che viene utilizzata al posto del buon vecchio, fine ed elegante vetro. Vogliamo parlare della ceramica, della porcellana e di chi più ne ha più ne metta?

Quante possibilità ci sono che quei piattini di plastica vengano riciclati? Quante possibilità ci sono, invece, perché tutti quei materiali alternativi vengano riciclati e/o riutilizzati?

Dalle mie ricerche, per esempio, ho scoperto che la ceramica, una volta differenziata, viene utilizzata per produrre l’asfalto. La plastica per cosa viene utilizzata? Mmm….

Tutto questo per dirti che devi andare nel profondo delle cose. Quando si tratta di difendere il nostro pianeta, non possiamo fermarci alla prima pubblicità che ci dice: “Hey, questo è ecologico!”, non credi?

2° errore da non fare per matrimonio ecosostenibile

Ignorare i rifiuti

Cosa intendo con “ignorare i rifiuti”? Vediamo, ti spiego subito con un esempio lampante. Hai presente quelle bellissime decorazioni floreali sontuose, immense, romantiche e da super effetto WOW tipo questa

oppure questa

Bene. Ora chiediti: cosa ne sarà di tutti quei fiori? Indicativamente diventeranno una montagna di rifiuti. Per le informazioni che sono riuscita a reperire online finora, ci sono due alternative:

  1. Vengono semplicemente smaltiti come rifiuti e buttati al macero;
  2. Vengono accumulati e destinati al settore agronomico che li trasforma in “concime” come terriccio, biomassa e materiale per compostaggio.
    (la domanda che mi viene spontanea è: gli involucri in plastica dove sono raccolti i fiori, che fine fanno? altra plastica inutile sprecata…)

La prima ipotesi è quella che si verifica nella maggior parte dei casi: il qualcosa che non serve, viene gettata sulle mega montagne di rifiuti che abbiamo e non riusciamo a smaltire. La seconda si verifica in casi fortunati dove le amministrazioni sono lungimiranti e aperte mentalmente a nuove soluzioni sostenibili e virtuose per tutti. Una sorta di vera e propria economia circolare che dal rifiuto crea un prodotto utile. Per capirci, in Olanda, per via del Covid, marciscono 150.000 rose al giorno su una sola superficie di coltivazione equivalente a 32 campi da calcio. Queste sono quelle prodotte solo in due mesi di quarantena che non sono state utilizzate. Se anche fossero state utilizzate, però, la loro sorte non sarebbe cambiata.

Vuoi comunque optare per quella super decorazione da migliaia di euro che durerà qualche ora al costo di un impatto ambientale incalcolabile? Alcuni recuperano i fiori dalle decorazioni e li regalano agli invitati, realizzando bracciali o altro. Altri (fortunatamente) stanno iniziando ad apprezzare decorazioni con fiori secchi, recuperati da decorazioni precedenti. Questa può essere una soluzione, ma la questione dei rifiuti extra da smaltire rimane.

Come per i fiori, questo discorso si estende per tutto ciò che si accumula. Partecipazioni, bomboniera, cibo, confetti, abiti, accessori, tovagliati ecc…

Ti prego, non dimenticarti dei rifiuti. Sostenibile vuol dire limitarli. Se vuoi scoprire come trovare un equilibrio con i rifiuti, ti consiglio Rete Zero Waste.

3° errore da non fare per matrimonio sostenibile

Acquistare ex novo

Eh, quanti esempi ci sarebbero da fare per questo punto! Penso a chi crede che organizzare un matrimonio sostenibile sia acquistare stoviglie biodegradabili per apparecchiare i tavoli; acquistare per ogni matrimonio un abito nuovo, alle migliaia di bomboniere letteralmente inutili, che si aggiungono alle altre migliaia di bomboniere uguali dei matrimoni passati, alle partecipazioni stampate con degli inchiostri e con quella carta così orrendi a basso costo che… l’amianto sembrerebbe una manna divina! Mmm… Credo che parlerò degli abiti.

Non credo che ti sconvolgerò, dicendoti che qualsiasi cosa tu acquisti, indica che tu hai bisogno di quella cosa. Per il mercato, se acquisti, stai generando una domanda e necessariamente chi vende deve fornirti ciò che stai cercando. Gli abiti, parlo in questo caso degli abiti degli invitati, della wedding planner, del fotografo, di tutti i fornitori presenti al matrimonio fanno parte di un settore chiamato “fashion“.

Purtroppo, ci siamo talmente abituati ad acquistare così tanti abiti che si è creato un problema: la fast fashion. Ti vendono tanti abiti a prezzi contenuti e rinnovati molto velocemente. Non come una volta che si tesseva, cuciva o rammendava a mano! Questa fetta di mercato è responsabile di circa il 10 per cento delle emissioni di gas serra. Come se non bastasse, oltre all’inquinamento per produzione, c’è l’inquinamento per smaltimento, perché tanti brand bruciano i capi invenduti. Sì, fanno dei falò, piuttosto che venderli scontati.

Come arginare questo massacro globale in occasione di un matrimonio? Acquista solo se necessario. È impossibile che tu non abbia un abito nell’armadio che possa riutilizzare. Se sei dimagrita, puoi stringere l’abito. Se sei ingrassata… prova a vedere se puoi allargarlo 😀 fatti prestare un abito, noleggialo, fai qualsiasi cosa prima di acquistare l’ennesimo vestito fatto in nylon e in Bangladesh da donne sfruttate!

L’alternativa è acquista sostenibile. Acquista da brand sostenibili. In questo articolo trovi alcuni esempi di abiti da sposa ecologici, ma la maggior parte dei brand ha anche abiti da cerimonia.

Tutto chiaro? 🙂

Questi sono i 3 errori che ritengo più pericolosi e più facili da gestire. Cosa ne pensi? Aggiungeresti qualcosa di super importante?

Fammelo sapere nei commenti!

Share on :
error: Il mio contenuto è protetto.
error: Il mio contenuto è protetto.